NUCLEO SPECIALISTICO 4° A

Il Nucleo Specialistico 4° A della ''Casa della Serenità'' è un’unità speciale di cura dedicata alle persone con demenza di diversa origine associata a disturbi comportamentali rilevantiLa presenza di un malato di Alzheimer in una famiglia segna e modifica profondamente anche la qualità della vita dei suoi componenti.

Spesso la famiglia rimane, nonostante la presenza dei servizi sanitari e sociali, la principale risorsa assistenziale del malato, soprattutto nelle prime fasi della malattia.

 

Il "Nucleo specialistico 4° A" della RSA “Casa della Serenità” è un’unità speciale di cura dedicata alle persone con demenza di diversa origine associata a disturbi comportamentali rilevanti; le caratteristiche di questi pazienti rendono necessaria una cura centrata sulla persona al fine di comprendere la prospettiva dell’individuo malato, rispettarlo e valorizzarlo, elaborare un piano di cura individualizzato e permettergli di vivere il più possibile un’esperienza di benessere. Il Nucleo specialistico è un reparto che dispone di personale in continua formazione, specificatamente per la gestione dei disturbi comportamentali tramite terapie non farmacologiche, quali stimoli multisensoriali adeguati alle capacità cognitiva e funzionale dell’ospite.

 

Molto importante per le persone affette da demenza è l’ambiente, che deve essere adeguato ai loro ricordi permettendo loro di “sentirsi a casa” in uno spazio gradevole e confortevole.

 

 

All’interno del Nucleo, la gestione dei disturbi comportamentali dell’ospite avviene attraverso l’attuazione di varie strategie, con lo scopo di attenuare o deviare il momento di difficoltà. Nell’arco della giornata vengono proposte:

  • • l’alzata fisiologica dove, nel rispetto dei tempi dell’ospite, viene aiutato dal personale ad alzarsi quando è sveglio;
  • • la “CST”, o terapia di stimolazione cognitiva (Cognitive stimulation therapy), è un trattamento destinato a persone con demenza lieve- moderata, con l’obiettivo di coinvolgere le persone in piccolo gruppo, fornendo loro un contesto ottimale per mantenere le potenzialità e costruire /rinforzare le relazioni;
  • • le attività domestiche gli ospiti hanno la possibilità, quando lo desiderano, di apparecchiare e sparecchiare la tavola, spolverare, riassettare la propria camera, riordinare la propria biancheria e piegare gli indumenti comuni;
  • •  le attività occupazionali come la maglia, l’uncinetto, preparare minestrone, macedonia di frutta, giardinaggio tutto l’anno;
  • • il massaggio rilassante alle mani, ai piedi e alla testa, cura dell’aspetto esteriore come mettere il rossetto, lo smalto alle unghie ed il profumo;
  • • il “Benessere in tazza” momento del the o coffee break, dove si applica la R.O.T. formale conversando tra “amici”;
  • •  la Passeggiata terapeutica dove gli ospiti vengono accompagnati all’interno di un percorso protetto così grazie alla luce, l’energia solare, i rumori della natura e il profumo dell’erba e dei fiori, viene stimolato il benessere psico-fisico attraverso l’utilizzo dei sensi;
  • •  l’angolo dedicato fruibile a ogni ospite che necessita di un momento di attenzione, posizionando degli oggetti significativi per il paziente che lo rassicurano;
  • •  mini pasti sempre disponibili, in base alle necessità alimentari;
  • •  un trattamento multisensoriale, nello specifico con il bagno Snoezelen e la base mobile multisensoriale. Il termine Snoezelen è un neologismo derivante da due verbi: Snuffelen = esplorare e Doezelen = rilassare. Questo approccio nasce in Olanda negli anni ’70 e in Italia si sta diffondendo da pochi anni. Tecnica utilizzata, nelle persone con gravi disabilità intellettive, come mezzo di comunicazione non verbale per favorire il rilassamento e comportamenti adattivi, capitalizzare le abilità senso-motorie residue, ridurre disturbi comportamentali e aumentare quelli positivi, migliorare il tono dell’umore e facilitare l’interazione e la comunicazione; in esso vengono forniti stimoli (effetti luminosi, colori, suoni, musiche, profumi ecc.), mirati a risvegliare i cinque sensi in maniera adeguata , creando così un contatto con il mondo interno dell’ospite e portandolo ad una migliore qualità di vita.

 

 

Il Nucleo si sviluppa su un unico piano che ha la possibilità di ospitare 20 pazienti in stanze doppie ed è composto da:

•  sala da pranzo;

•  veranda;

• terrazza con doppio percorso protetto;

• soggiorno;

• corridoio e stanze;

•  bagno Snoezelen, una stanza attrezzata per creare un ambiente gradevole e avvolgente, dove le modalità distensive favoriscono il rilassamento e il benessere degli ospiti utilizzando sollecitazioni visive, uditive, tattili e olfattive presenti nel carrello multisensoriale.

 

Joomla BJ Metis template by ByJoomla.com